39.99 per la Spedizione GRATIS
 
Per la Spedizione OGGI

Guaranà

Che cosa è il Guaranà?

Il Guaranà (Paullinia cupana) è una pianta rampicante, sempreverde, allo stato spontaneo può raggiungere anche i 13 m. di altezza. Nativa della foresta amazzonica, dove cresce spontaneamnete lungo i fiumi, questa pianta viene coltivata anche a scopo industriale soprattutto nei comuni situati lungo il Rio delle Amazzoni. Le foglie del guaranà sono alterne a picciolo breve, coriacee, di colore verde lucido sulla pagina superiore, verde opaco su quella inferiore. I fiori sono bianchi, raccolti in gruppi fino a quindici/venti. Il frutto è una drupa, molto consistente, con epicarpo di colore rosso fuoco e il mesocarpo biancastro che racchiude il seme legnoso che diminuisce di dimensione dopo l'essiccamento.

Il seme del Guaranà viene estratto dal frutto maturo essiccato al sole, quindi, nella preparazione brasiliana, viene torrefatto per liberarlo più facilmente dal tegumento, triturato ed umettato con acqua sino a produrre una pasta di colore rosso bruno successivamente essiccata dopo fumigazione. Nella preparazione venezuelana la pasta si incorpora con farina di manioca quindi si lascia fermentare e successivamente essiccare.

Cenni Storici

Il Guaranà veniva utilizzato come elisir di lunga vita da molte civiltà dell'Indios per il suo effetto tonico–stimolante e adattogeno. Era anche impiegato per combattere la diarrea, per le malattie che indebolivano - e anche per riuscire ad acuire i sensi, uno scopo sicuramente legato al fatto che la pianta stessa ha gli “occhi per vedere”. L'estratto è prevalentemente usato come base per sciroppi o sode. Noto per l'alto contenuto di caffeina, il seme di guaranà torrefatto è ricco di fosforo, potassio e vitamine B1, B2, PP ed E; e di tannini che, ritardando l'assimilazione della caffeina, inibiscono l'effetto iper-eccitante e ne fanno essenzialmente un regolatore.

La leggenda sull’origine del guaranà racconta che in un tempo lontano, in una terra molto simile all’Eden, viveva una fanciulla di nome Unai, che conosceva i segreti delle piante e dei fiori. Unai, dopo essere stata morsa da un serpente, dette alla luce un bellissimo bimbo. Un bambino così sano e forte da destare la gelosia degli zii che lo decapitarono. Disperata per una morte così crudele Unai sparse i resti del piccolo nella foresta. Dall’occhio destro del bimbo in breve germogliò una pianta dalle proprietà medicamentose così potenti da far risorgere il bimbo. Questa pianta è il guaranà e i Saterè Mawé sono i discendenti di quel bimbo, per questo si definiscono “i figli del Guranà”. Benchè questa sia ovviamente una leggenda, la storia spiega il profondo legame di questo popolo con una pianta che considerano sacra, che è stata da loro “addomesticata” e che da secoli coltivano e selezionano secondo antichissime tradizioni.

Proprietà del Guaranà

I semi di guaranà sono ricchi di guaranina, principio attivo analogo alla caffeina. Questo componente favorisce il rilascio di due ormoni, chiamati adrenalina e noradrenalina (catecolamine), grazie alla sua azione di antagonista competitivo nei confronti dei recettori dell'adenosina. Le catecolamine provocano l'accelerazione metabolismo corporeo, della frequenza cardiaca, della pressione arteriosa e del numero di atti respiratori (incrementando, così, l'ossigenazione del sangue). Per questo motivo il guaranà è consigliato come stimolante in caso di affaticamento psicofisico, depressione, astenia e convalescenza. In ambito sportivo gli estratti di guaranà vengono impiegati con successo per migliorare la capacità di resistenza allo sforzo fisico; ed è consigliato a chi studia per incrementare l’attività intellettuale. Viene usato anche per la sua proprietà dimagrante nelle diete e nei trattamenti del controllo del peso, perché stimola la produzione di enzimi capaci di sciogliere i grassi (lipolisi) con una conseguente riduzione dei depositi di adipe sottocutaneo.

Un uso eccessivo ed incontrollato di guaranà ha come effetti ipertensione, tachicardia palpitazioni, insonnia, ansia tremori, nausea, vomito, mal di testa e convulsioni, in presenza di gravi malattie psichiatriche, in gravidanza e allattamento. Non assumere per più di 3 mesi e in associazione con farmaci neuro stimolanti. Contoindicato in caso di diabete, malattie cardiovascolari, ipertiroidismo e problemi renali.


FAQ

No FAQ found

Integratori Consigliati

Disponibilità limitata
46.99 66.50

Disponibilità limitata
38.89 55.50